Messico: forte terremoto di magnitudo 7.1, oltre 200 morti

19/09/2017 - Nella giornata di martedì c'è stata in Messico una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 7.1.

Il sisma si è verificato alle 13:14 (le 20:14 in Italia) con epicentro nei pressi di Atecingo, nello stato di Puebla, a circa 120 chilometri a sud-est di Città del Messico. Almeno 216 persone sono morte, secondo i dati diffusi dalla protezione civile: 86 a Città del Messico, 71 nello stato di Morelos, 43 nello stato di Puebla, 12 nello stato del Messico, 3 nel Guerrero e 1 a Oaxaca.

Il presidente messicano Enrique Pena Nieto ha detto che 20 bambini e due adulti sono morti nel crollo di una scuola elementare a Coapa, quartiere a sud della capitale. Altri trenta bambini e otto adulti risultano dispersi.

Nella sola Città del Messico sono crollati o hanno subito gravi danni decine di edifici. Circa due milioni di persone sono rimaste senza energia elettrica e linea telefonica. Crolli e danni ingenti anche negli stati di Morelos, Puebla e del Messico

Migliaia di persone sono scese in strada dopo la scossa. Nelle ore precedenti il sisma si erano tenute a Città del Messico le esercitazioni antisismiche organizzate per il trentaduesimo anniversario del grande terremoto del 1985, che provocò la morte di migliaia di persone.

Lo scorso 7 settembre si era verificato nel sud del Messico un altro forte terremoto di magnitudo 8.1, con epicentro al largo delle costa pacifica, in cui sono morte più di 90 persone.





Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2017 alle 22:33 sul giornale del 20 settembre 2017 - 1056 letture

In questo articolo si parla di cronaca, terremoto, messico, sisma, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNa9