Sciopero generale E-Distribuzione il 19 novembre, i sindacati: "Oneri sempre maggiori sulle spalle dei lavoratori"

2' di lettura 17/11/2020 - Le segreterie regionali/provinciali dell'Umbria di Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil da anni denunciano come, a fronte delle uscite del personale di E-distribuzione, non si sia provveduto in modo adeguato a fare le necessarie assunzioni. Enel invece di assumere continua a impoverire la propria struttura organizzativa, caricando sulle spalle dei lavoratori oneri sempre maggiori.

A nulla sono servite le numerose richieste del sindacato; è ora di dire basta. Il prossimo 19 novembre sciopero generale di 4 ore proclamato per dire no a:

1) Esternalizzazione delle attività proprie dell'area distribuzione, come le manovre di esercizio sulla rete elettrica di media tensione in un momento in cui le competenze e le professionalità presenti in azienda sono fondamentali per rendere concreti e ben indirizzati gli investimenti; bisogna garantire un futuro stabile anche ai lavoratori più giovani.
2) Ampliamento ulteriore delle zone di intervento in reperibilità; al contrario la reperibilità operativa e tecnica andrebbero rafforzate soprattutto in territori, come quelli dell'Umbria, che presentano evidenti situazioni di difficoltà per ciò che attiene alla viabilità e ai tempi di intervento che risultano dilatati.
3) Introduzione di un regime ad orari sfalsati per il personale con il solo scopo di ridurre il numero di ore di straordinario ormai fuori controllo. Non serve cambiare orario servono assunzioni.
Va inoltre assolutamente difeso l'operato e la sicurezza di tutti i lavoratori diretti e delle ditte appaltatrici impegnati nel settore, che tutti i giorni, con abnegazione, garantiscono la qualità e la continuità del servizio elettrico nazionale.

Dobbiamo dire no a queste scelte di Enel. L'elettricità e la rete di distribuzione nazionale sono beni essenziali per tutta la popolazione e non possono essere "barattati" con meri interessi economici; per affrontare le scelte del futuro occorrono reti adeguate, rinnovate ed efficienti.
Non bastano gli investimenti, occorre forza lavoro qualificata, servono nuove assunzioni. In Umbria E-Distribuzione è passata da una forza lavoro di circa 326 addetti nel 2014 ai neanche 250 attuali; questi numeri sono insufficienti nonostante l'impiego di nuove tecnologie a mantenere l'attuale standard di servizi richiesti visti i crescenti carichi di lavoro.

Per questo le Segreterie Regionali/Provinciali dell'Umbria di Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil chiedono ai lavoratori di E-Distribuzione di partecipare allo sciopero generale nazionale, proclamato per il prossimo 19 novembre, da tenersi nelle prime 4 ore della stessa giornata per ogni turno di lavorazione e/o articolazione d'orario per dire no alle scelte scellerate di questa azienda.

ASSUNZIONI
GARANZIA DI UN SERVIZIO QUALIFICATO
PER TUTTI I CITTADINI DELL'UMBRIA

Le Segreterie Regionali/Provinciali dell'Umbria
FILCTEM CGIL – FLAEI CISL – UILTEC UIL






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2020 alle 12:07 sul giornale del 18 novembre 2020 - 225 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bCjW





logoEV