Condannato per furti e rapine tra il 2014 e il 2015, ora sconterà oltre 4 anni di carcere

1' di lettura 23/05/2023 - I Carabinieri della Stazione di Foligno hanno eseguito il provvedimento di esecuzione pena, emesso dal Tribunale di Spoleto nei confronti di un 42enne italiano condannato in via definitiva a 4 anni e 5 mesi di reclusione ed al pagamento di una multa di 1.600 euro.

I fatti contestati, e per i quali è stato ritenuto colpevole, risalgono al periodo 2014 – 2015.

L’uomo, nel 2014, in Foligno, si introduceva all’interno del cortile di un’abitazione e, dopo aver infranto il finestrino di un’autovettura, asportava dall’interno una borsa e si allontanava a bordo di un ciclomotore.

In altra circostanza invece veniva sorpreso, dal legittimo proprietario, mentre cercava di rubare dall’interno del proprio garage una lavatrice e, dopo una breve discussione con lo stesso, l’uomo spintonava la vittima facendola cadere in terra dandosi poi alla fuga.

Nel mese di settembre 2015 il soggetto si introduceva all’interno di una lavanderia di Foligno ed asportava il portafoglio poggiato sotto il bancone della titolare che si era temporaneamente allontanata per recarsi sul retro dell’esercizio commerciale.

Successivamente il portafoglio veniva rinvenuto da una passante in località Borroni, privo della somma di denaro contante di 290 euro.

I Carabinieri della Stazione di Foligno, dopo averlo rintracciato presso la propria abitazione, lo hanno condotto in caserma per gli accertamenti di rito e successivamente tradotto presso il carcere di Spoleto come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Spoleto.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Foligno .
Per Whatsapp aggiungere il numero 376 0316334 alla propria rubrica e inviare un messaggio con scritto "Notizie ON".
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viverefoligno o Clicca QUI.





Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2023 alle 10:16 sul giornale del 24 maggio 2023 - 18 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d0mz





logoEV
logoEV
qrcode